Il testo del decreto riaperture

stemma-della-repubblica-italiana-colori.

Con l’emanazione del decreto legge n. 52 dello scorso 22 aprile (“decreto riaperture”) cambia finalmente la situazione delle nostre attività sul campo. Affinché tutti gli interessati abbiano le idee chiare sulle possibilità e sui vincoli imposti, riportiamo le parti di testo che riguardano le nostre attività. A ogni norma segue un breve commento. La Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento dello sport, ed eventualmente la FIBS, emaneranno apposite linee-guida, nel quadro di queste norme di legge.

 

                                                                         Decreto-legge n. 52 del 22 aprile 2021 

 

Articolo 6. Piscine, palestre e sport di squadra

 

comma 3. A decorrere dal 26 aprile 2021, in zona gialla, nel rispetto delle linee guida adottate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico, è consentito lo svolgimento all’aperto di qualsiasi attività sportiva anche di squadra e di contatto. È comunque interdetto l’uso di spogliatoi se non diversamente stabilito dalle linee guida di cui al primo periodo.

 

Commento: da lunedì 26 aprile, nelle Regioni in zona gialla, le Società di baseball e softball possono svolgere qualsiasi attività sportiva (allenamenti, gare, incontri amichevoli), comprese le attività non agonistiche (mini-baseball e mini-softball per ragazzi e ragazze non ancora tesserabili per l’attività agonistica, baseball e softball adulti amatoriale). Tali attività dovranno svolgersi nel rispetto delle linee guida adottate dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento per lo sport, e dalla FIBS. Resta proibito l'uso di spogliatoi e docce.

 

Articolo 5. Spettacoli aperti al pubblico ed eventi sportivi

 

comma 1. A decorrere dal 26 aprile 2021, in zona gialla, gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi, sia per il personale. La capienza consentita non può essere superiore al 50 per cento di quella massima autorizzata e il numero massimo di spettatori non può comunque essere superiore a 1.000 per gli spettacoli all’aperto e a 500 per gli spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala. Le attività devono svolgersi nel rispetto di linee guida adottate ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n. 33 del 2020. Restano sospesi gli spettacoli aperti al pubblico quando non è possibile assicurare il rispetto delle condizioni di cui al presente articolo, nonché le attività che abbiano luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati.

 

comma 2. A decorrere dal 1° giugno 2021, in zona gialla, la disposizione di cui al comma 1 si applica anche agli eventi e alle competizioni di livello agonistico e riconosciuti di preminente interesse nazionale con provvedimento del Comitato olimpico nazionale italiano (CONI) e del Comitato italiano paralimpico (CIP), riguardanti gli sport individuali e di squadra, organizzati dalle rispettive federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva ovvero da organismi sportivi internazionali. La capienza consentita non può essere superiore al 25 per cento di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 1.000 per impianti all’aperto e a 500 per impianti al chiuso. Le attività devono svolgersi nel rispetto delle linee guida adottate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico. Quando non è possibile assicurare il rispetto delle condizioni di cui al presente articolo, gli eventi e le competizioni sportive, di cui al presente comma, si svolgono senza la presenza di pubblico.

 

Commento: da martedì 1° giugno, nelle Regioni in zona gialla, il pubblico può essere ammesso alle competizioni di livello agonistico di baseball e softball, cioè alle partite dei campionati federali e alle gare organizzate dalla Federazione. Il pubblico non è ammesso per le altre attività (qualsiasi allenamento e gare non agonistiche). La capienza massima consentita è il 25% di quella autorizzata, a condizione che sia assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi. Anche in questo caso, dovranno essere seguite le linee guida della Presidenza del Consiglio dei Ministri - Dipartimento dello sport.