Capitolo 5. C'è lo strike, ma è senza area...

La Knickerbocker Rule n. 9 ci porta nel cuore di uno dei più importanti cambiamenti avvenuti nel gioco del baseball. La regola dice letteralmente: “The ball must be pitched, not thrown, for the bat”; afferma dunque che il lanciatore non deve “tirare” ma “lanciare” la palla al battitore. Il verbo to pitch, nella lingua americana di allora, indicava il movimento del braccio che si usa nel gioco in cui un ferro di cavallo deve agganciarsi a un paletto infisso a terra. Scopo del lanciatore, a quei tempi, non era mettere in difficoltà il battitore, ma avviare il gioco alzandogli la palla; per questo motivo, segnare 50 o 60 punti a partita era allora una cosa normale. 

Incontro tra l’Athletic Base Ball Club di Philadelphia e il Resolute Club di New York, 15 giugno 1862, vinto dagli Athletic per 39 a 14. Il campo, nella zona di Brooklyn, fu il primo campo interamente cintato; venne inaugurato con una partita il 15 maggio 1862, e in tale occasione fu per la prima volta eseguito in un incontro di baseball l’inno “Star Spangled Banner”, che nel 1931 diventerà l’inno nazionale statunitense. Da notare, nell’illustrazione, la distanza del catcher da casa base e la posizione dell’arbitro, di fronte al battitore (evidentemente in questo incontro non esiste ancora l’area di strike).

Inoltre, le regole non definivano a quale distanza da casa base dovesse trovarsi il lanciatore, e la nozione di “area di strike” era di là da venire; in pratica, ogni battitore aspettava il primo lancio che gli piacesse battere, e non esisteva lo “strike” chiamato dall’arbitro, ma solo quello derivante da una sventolata a vuoto. Come conseguenza di questa impostazione, il ricevitore stava dietro casa base, ma a 6-7 metri di distanza e senza alcuna protezione; la sua funzione principale era di prendere al volo i pop dietro al piatto, frequenti a causa del tipo di lancio. Con la graduale introduzione di giocatori professionisti, il gioco si fece più duro e i lanciatori iniziarono a tirare forte per mettere in difficoltà i battitori; si capì che era necessario definire il concetto di “area di strike”, nonché lo strike chiamato dall’arbitro quando la palla lanciata passava nell’area e il battitore non si muoveva. Questo avvenne gradualmente a partire dal 1858: la Guerra civile americana era nell’aria, e nel prossimo capitolo vedremo i suoi effetti sullo sviluppo del baseball negli Stati Uniti.

Nella foto, partita

di baseball giocata

verso il 1880; non

c’è traccia di un

arbitro a casa base.

A.S.D. Avigliana Bees   --   Impianti sportivi Giovanni Paolo II: via Suppo, Avigliana (TO)   --   Sede legale: frazione Tetti Colombo 1 - Avigliana (TO)   --   aviglianabaseball.bees@gmail.com