Capitolo 6. Giocatori nordisti, spettatori sudisti

Per quanto possa sembrare strano, la Guerra civile americana diede un enorme impulso alla diffusione del baseball e all’unificazione delle regole di gioco. Nel 1857, quattro anni prima dell’inizio delle ostilità, era stata fondata a New York la National Association of Base Ball Players, la prima organizzazione avente lo scopo di governare il nuovo sport e gestire un campionato; l’Associazione contava all’inizio sedici squadre. Nel 1865, anno in cui terminò la guerra, i club aderenti alla National Association erano almeno 100, e nel 1867 oltre 400, in tutte le zone degli Stati Uniti. In un continente ancora scarsamente abitato e una popolazione ripartita tra le due coste con in mezzo il nulla (non erano ancora neppure stati fondati gli attuali Stati centrali), le comunicazioni tra le diverse comunità erano scarse e difficili: la guerra mise a contatto (come commilitoni o come avversari) uomini provenienti da tutte le zone del Paese. E’ particolarmente interessante la stampa riportata qui sotto, dove si vede un gruppo di prigionieri nordisti giocare a baseball davanti ai loro carcerieri sudisti a Salisbury (Carolina del Nord). L’autore dell’opera, Otto Boetticher, era presente, perché si era arruolato nel 1861 nel 68° Corpo volontari di New York ed era stato catturato l’anno successivo proprio a Salisbury.

Nel 1869 nacque la prima squadra di professionisti, i Cincinnati Red Stockings, con dieci giocatori (nove titolari più una riserva) stipendiati per otto mesi all’anno. Già nell’anno di fondazione, la squadra percorse in lungo e in largo gli Stati Uniti, sfidando qualsiasi club disposto a giocare, e ottenendo un record finale di 57 vittorie e nessuna sconfitta, nonché fama imperitura negli States.

Nel 1871 fu fondata la prima lega professionistica: la National Association of Professional Base Ball Players, che si trasformò nel 1876 nella National League, la prima delle due Major Leagues tutt’ora esistenti (l’altra è l’American League, fondata nel 1901); come prima cosa, gli aderenti alla National League stabilirono un “gentlemen agreement” non scritto per vietare l'attività professionistica ai giocatori di colore. Ma di questo parleremo in seguito.

In questa epoca pionieristica, il baseball non fu uno sport esclusivamente maschile: nel 1866 nacque la prima squadra di baseball femminile al Vassar College di New York, e nel 1094 Alta Weiss divenne la prima giocatrice professionista.

Alta Weiss, la prima giocatrice professionista di baseball

1869: la stampa commemorativa della fondazione della prima squadra professionistica di baseball (i Cincinnati Red Stockings), con le immagini dei nove titolari

A.S.D. Avigliana Bees   --   Impianti sportivi Giovanni Paolo II: via Suppo, Avigliana (TO)   --   Sede legale: frazione Tetti Colombo 1 - Avigliana (TO)   --   aviglianabaseball.bees@gmail.com